Alzabandiera vietato a Bolzano: “Gesto anti-democratico. Da che parte stanno Dorfmann e Forza Italia?”

“Vietare l’alzabandiera a un’associazione degli alpini è un atto vile, non degno di una forza democratica del nostro Paese. Per questo chiedo ai vertici dell’Svp, a partire dal collega Dorfmann, di prendere subito posizione. Altrettanto deve fare Forza Italia che con l’Svp ha sorprendentemente stretto un patto elettorale in vista delle Europee”.

A dirlo è l’europarlamentare Remo Sernagiottodopo la diffusione della notizia secondo cui alcuni esponenti dell’Svp avrebbero dichiarato la loro contrarietà all’inserimento dell’alzabandiera in occasione della festa “Don Bosco Solidale” in programma per il prossimo 2 giugno, Festa della Repubblica, a Bolzano.
Episodi di questo tipo vanno subito smentiti da chi rappresenta il partito nelle sedi istituzionali italiane e comunitarie”, rimarca Sernagiotto. “Ancora di più lo deve fare chi si è alleato recentemente con tale forza politica pur provenendo da un partito che si professava liberale e di centrodestra, quindi attento ai valori e ai principi dello Stato. Non è solo una questione di forma ma pure di sostanza“.
Questo significa che il vero centrodestra siamo noi di Fratelli d’Italia e che qualcuno ha perso definitivamente la sua strada“, aggiunge Sernagiotto.
Mi auguro che arrivino presto spiegazioni da chi di competenza e che il Tricolore a Bolzano, nell’anno 2019, possa sventolare libero e orgoglioso”, la conclusione dell’europarlamentare del gruppo Conservatori e Riformisti-Fratelli d’Italia.